SHAUL DETTO PAOLO DI TARSO: GENIO O FURFANTE?

palestina
Fu indubbiamente colui che inventò il cristianesimo, almeno nella forma giunta sino a noi. I suoi maggiori avversari furono il fratello di Gesù, Giacomo detto il Giusto, Simone detto Pietro e Maria di Magdala, moglie e seguace del Nazireo. Dell'impostazione nettamente ebraica del gruppo di Gerusalemme, v'erano tracce evidenti nella sopravvissuta setta degli Ebioniti, che conosciamo solo attraverso gli scritti di Ireneo ed altri.
Il disastro politico che colpì la Palestina verso gli anni 70 dell'era volgare, permise il prevalere su tutte le altre sette giudaico-cristiane, sterminate dai dominatori,  della corrente di Paolo, a cui forse ed infine si piegò anche il vecchio Simone detto Pietro, travolto dalle circostanze.
Paolo, probabilmente, salvò gli ebrei della diaspora, succeduta alla distruzione di Gerusalemme e Masada, dallo sterminio e dalla schiavitù a cui li volevano sottoposti i padroni romani, oramai esausti dall'indisciplina e dalle continue ribellioni di quella provincia indomita.
Quello di Paolo fu forse un atto di suprema astuzia, per sottrarre i propri connazionali dalla vendetta dei dominatori?  Diede egli loro qualcosa di nuovo in cui credere, affinché si rassegnassero alla dominazione, evitando così agli ebrei quello che pensava potesse essere il completo annientamento del proprio popolo? Se ciò dovesse corrispondere al vero, alla luce dei risultati raggiunti dalla sua predicazione, avremmo di fronte uno dei maggiori geni della politica che il mondo abbia mai conosciuto. 

27 thoughts on “SHAUL DETTO PAOLO DI TARSO: GENIO O FURFANTE?

  1. @ lectorinfabula

    ed alla cortese attenzione di

    @ carnefice

    In nessun testo sacro e non, figura il nome Gesù, ma solo Yeshua, ovvero Giosuè; solo i falsari Padri( ni ) della Chiesa lo tradussero, successivamente,  in Iesous…

    Sarà stato forse per giustificare il " titulus "  INRI, cioè Iohannes Nazireus Rex Iudeorum ( figlio di Giuda il Galileo ) giustiziato in quanto Nazireo/rivoluzionario ?

    A proposito di Yeshua ( detto l'Egiziano, chissà perché  ) si hanno sue notizie in quanto figlio adulterino di Stada ( Miriam ) e di Panthera ( arciere romano di stanza, all'epoca, in Palestina e cornificatore di tale Yusuf ).

    Ci ricorda qualcuno ?

    Peccato che i soliti Padri (ni) ( ovviamente per distrazione ) abbiano tradotto Panthera con Parthenos…
    Come pure hanno tradotto Iskariot ( sicario ) con abitante di una mai esistita città di Q/Keriot.
    E nemmeno possiamo dimenticare la traduzione di zelota ( appartenente ad un setta di rivoluzionari ) con zelante.
    E non si può che aggiungere Nazireo, Nazoreo ecc. ( appartenente ad una setta rivoluzionaria ) con originario della città di Nazareth, all'epoca non ancora edificata !!

    Ciao a tutti

  2. Ciao Lector,

    dai miei studi risulta che Simone Pietro non si piegò mai ad un compromesso.
    Continuò sulle tracce del fratello Gesù venendo infine giustiziato insieme al fratello Giacomo dal procuratore Tiberio,circa dieci anni dopo la vicenda di Gesù (che avvenne verosimilmente nel 36 d.c.):

    “Oltre a ciò, Giacomo e Simone, figli di Giuda Galileo, furono posti sotto processo e per ordine di Alessandro, vennero crocefissi; questi era il Giuda che – come ho spiegato sopra – aveva aizzato il popolo alla rivolta contro i Romani, mentre Quirino faceva il censimento in Giudea.”(Ant.Giud.,XX,102).

    La dinastia di Gesù continuò fino alla fine a Masada:nel 73 imperterrito persisteva Eleazar discendente di Giuda;non è da escludere che fosse figlio dello stesso Gesù.
    Lazzaro(Eleazar),l’ultimo capo della resistenza giudaica,era parente di Menahem(ultimo figlio di Giuda il Galileo),oltre che sicuramente un parente così caro al Gesù evangelico,da esser considerato come “colui che egli ama”.

     Su Paolo non esistono testimonianze e ciò sembra assurdo se pensiamo che ebbe a che fare con numerose personalità realmente esistite (il procuratore Felice,il proconsole Gallione,il procuratore Festo,Agrippa…);sicuramente se non fu Paolo,esistette sicuramente un movimento revisionista dell'originale pensiero cristiano che permise dopo il 70 l'instaurarsi di una nuova religione universale conciliante col potere di Roma e disposta a "dare a Cesare quel che è di Cesare".

    Non è di poco interesse il fatto che Gesù venga accusato di promuovere sedizioni e di impedire di pagare il tributo,proprio come suo padre giuda Galileo:

    «Abbiamo trovato costui che sobillava il nostro popolo, impediva di dare tributi a Cesare e affermava di essere il Cristo re».(Lc 23,2)

    In perfetta coerenza col padre:

    Libro II:118 Sotto di lui un galileo di nome Giuda spinse gli abitanti alla ribellione, colmandoli di ingiurie se
    avessero continuato a pagare il tributo ai romani
    e ad avere, oltre Dio, padroni mortali. Questi era un dottore
    che fondò una sua setta particolare, e non aveva nulla in comune con gli altri.(Ant Giud.)

    Ciao!

  3. Se il Simone che identifichi con Simone detto Pietro era figlio di Giuda  Galileo, significa che anch'egli era fratello carnale di Gesù. Ma ciò non mi pare confermato da nessuna parte, a differenza di Giacomo, che viene espressamente indicato come tale.

  4. @ Lector

    Hai sicuramente pubblicato una piantina " ai tempi di Gesù " sicuramente taroccata: vi figura Nazareth ( all'epoca inesistente ) e non figura la città fortificata Gamlà/Gàmala ?

    AhiAhiAhi!

    Ciao

  5. @ lector

    sei troppo forte !
    Per quanto riguarda i " persici " ti dico solo che ho pescato i " reali "  ( non amo molto il Persico Trota ) ad Albano, Bolsena, Bracciano, Scanno, Chiusi, Barrea, Vico, Nemi, Massaciuccoli..

    Comunque, complimenti, 'azzo che bestia !

    (Però, se continuiamo così, finiamo nelle barzellette di cacciatori e pescatori al fine di capire chi ce l'ha più grosso o chi l'ha preso più grosso !! )

    Ciao

    P.S.: Per ora, sto " sfrizionando " uno di taglia media !

    Ciao

  6. Non è egli forse il figlio del carpentiere? Sua madre non si chiama Maria e i suoi fratelli Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda?”(Mt 13,55)

    La conferma che Gesù ebbe dei fratelli ci viene dagli stessi vangeli.
    Quattro fratelli maschi quindi,tra cui anche Giacomo,che verrà giustiziato insieme a Simone nel 46.

    Giuda soprannominato Teuda,sarà decapitato da Fado,un anno prima della morte degli altri due fratelli Giacomo e Simone:

    “Durante il periodo in cui Fado era procuratore della Giudea, un certo sobillatore di nome Teuda persuase la maggior parte della folla a prendere le proprie sostanze e a seguirlo fino al fiume Giordano. Affermava di essere un profeta al cui comando il fiume si sarebbe diviso aprendo loro un facile transito.Con questa affermazione ingannò molti. Fado però non permise loro di raccogliere il frutto della loro follia e inviò contro di essi uno squadrone di cavalleria che piombò inaspettatamente contro di essi uccidendone molti e facendone altri prigionieri; lo stesso Teuda fu catturato, gli mozzarono la testa e la portarono a Gerusalemme.”(Ant. Giud. XX,97-98).

    Nei vangeli di Marco e Matteo questo apostolo viene chiamato Taddeo(Teuda),aggettivo che significa “coraggioso” e non nome proprio,mentre Luca e Giovanni  lo chiamano Giuda.
    Taddeo e' una deformazione popolare di Teuda.
    In antiche versioni del Vangelo viene chiamato “Ioudas zelotes
    ”…Giuda zelota.
    Il quarto Vangelo al posto dei due(Giuda e Taddeo) cita un solo apostolo chiamato Tommaso o Giuda non l'Iscariota, che alcuni manoscritti definiscono
    Ioudas kananites, cioè, ancora una volta, Giuda lo zelota.

    Eusebio, vescovo di Cesarea,riferendosi ad alcuni discendenti della famiglia degli Asmonei che furono arrestati sotto Domiziano,afferma:

    “Della famiglia del Signore rimanevano ancora i nipoti di Giuda,detto fratello suo secondo la carne,i quali furono denunciati come appartenenti alla stirpe di Davide”(Hist Eccl. III-20,1).
     
    Quando Eusebio scrisse questo non era stato ancora stabilito l’assurdo dogma della verginità di Maria (553 d.c.,Concilio di Costantinopoli).

    Basterebbe questa testimonianza per farci capire chi era veramente Gesù.

    I nipoti di Giuda furono condotti, come prigionieri, al cospetto dell'imperatore Domiziano(in carica dall’81 al 96 d.c.);erano accusati di attività sovversive come discendenti della stirpe regale di Israele, cioé come combattenti messianisti. Il passo è estremamente importante, non solo perché testimonia l'esistenza di fratelli e nipoti di Cristo, ma perché rivela un totale coinvolgimento dei componenti di questa famiglia nella lotta messianica.

    Giuseppe invece,l'ultimo dei fratelli di Gesù coincide con il Menahem di Giuseppe Flavio,è un pò lungo da spiegare,magari prossimamente ti dirò perchè.

    Ciao!

  7. @ Deicida

    Io leggo benissimo!

    Però mi hai fatto pensare ad un detto ( parafrasato ) : " Non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere !!"

    Ciao carissimo

  8. @ Dei…

    Dammi retta…cambia S.O. e sai come fare…

    Io lo uso da un pò di tempo ( dopo averlo provato per ca. 6 mesi ) e non mi ha mai creato problemi ( anzi, suggerisce soluzioni ).

    Un abbraccio

  9. @ Lectorinfabula
    Shaul di Tarso, detto Paolo

    " Fu indubbiamente colui che inventò il cristianesimo, almeno nella forma giunta sino a noi."

    Sì, forse ( e mica tanto ) , ma chi " inventò " Shaul/Paolo di Tarso ?

    Ciao

  10. Kefos, quel pesce magnifico magari l'avessi preso io. La foto l'ho tratta da internet e il fortunato pescatore purtroppo non sono io. Ciao 

  11. @—Deicida
    Non sto contestando che Gesù avesse dei fratelli, questo mi pare abbastanza assodato, nonostante i voli pindarici affermanti il contrario da parte della chiesa in proposito. Ciò di cui non sono sicuro è che il Simone indicato come fratello di gesù sia proprio Simon Pietro, il presunto "pescatore di uomini" (l'arruolatore della milizia galilea), perchè oltre a quel nome, non risultano altri riferimenti indiziari.

  12. Certamente le mie non sono pretese di verità,ma solo ipotesi storiche sia chiaro.
    Tuttavia non riesco a trascurare l'incredibile numero di agganci del Gesù evangelico con le vicende di Giuda il Galileo e dei suoi discendenti ..Non a caso Gesù era detto "il Galileo".

    Gli indizi sono troppi per passare inosservati…Gamala,la qualificazione di Nazoreo e Galileo,il Lazzaro discendente di Giuda che ritroviamo a Masada e camuffato nei vangeli,gli eventi che portarono all'arresto di Gesù,e la sua morte…

    Se si leggono poi i vangeli,riguardo Simone,emerge sicuramente un fatto non trascurabile:uno dei fratelli di Gesù sicuramente si chiamava Simone…
    E tra gli apostoli guarda caso c'è un Simon Pietro…e un ennesimo sdoppiamento:Simone lo Zelota,il cui soprannome parla chiaro e non lascia scampo a molti voli pindarici.
    Ques'ultimo è sicuramente uno sdoppiamento dell'unico Simone esistito (Pietro),al momento che oltre ad apparire nell'elenco degli apostoli è come se fosse praticamente inesistente.

    Davvero strano tra l'altro che Flavio,parlando della morte dei due figli di Giuda, Giacomo e Simone, non ne indichi il motivo:due fratelli discendenti del fondatore della quarta filosofia meritano solo due righe?Per me c'è di più:è stata tagliata qualche vicenda precedente nella quale sicuramente Flavio parlò dell'altro loro fratello, "Gesù" che come loro,per sovversione fu destinato alla croce.

    Un indizio di questa tesi ci proviene proprio dalle parole di Flavio:

    "questi era il Giuda che – come ho spiegato sopra – "

    Sopra dove?Nel libro XX,precedentemente a questa narrazione non vi è nessun riferimento a Giuda.
    Il sospetto è che qualche pia mano possa aver tagliato qualche parte compromettente per la favola cristiana.

  13. @—>Deicida
    Guarda che c'era anche Simone lo Zelota, detto il Cananeo, il cui soprannome mi pare lo renda più verosimilmente identificabile come fratello di Gesù e figlio di Giuda il Galileo, rispetto a Simone detto Pietro.

     @—->Kefos
    Scommetto che ti è scappato il mio commento # 13 ….

  14. @—->Deicida
    P.S. può darsi che non si tratti di sdoppiamento, bensì di due soggetti differenti, perché poi, quando si parla dei fratelli Gesù, questi vengono precisamente indicati e tra loro non v'è Simone detto Pietro. Mi pare che il Simone di Gerusalemme, che la tradizione cristiana vorrebbe esser stato il secondo vescovo di quella città dopo Giacomo il Giusto, potrebbe tranquillamente corrispondere a questo Simone Zelota, denotando così il vero carattere rivoluzionario del movimento da essi presieduto e la configurazione dinastica della successione ai vertici del movimento stesso (Gesù figlio di Giuda Galileo, suo fratello Giacomo, il terzo Fratello Simone lo Zelota, l'ultimo sopravissuto Giovanni detto Menahem e, dopo svariati anni, il diretto discendente di Gesù e Maria di Magdala, Simone Bar Kochba).

  15. @ lector

    No, non mi è sfuggito.

    Per restare in argomento, ai fini di eventuali confronti e/o approfondimenti, insisto, consultate anche:

    http://www.vangeliestoria.eu/

    di Emilio Salsi

    e

    http://www.yeshua.it/

    di Giancarlo Tranfo ( già profondamente cattolico ).

    Entrambi hanno sfidato B16, Teologi e Gianni Minoli ( v. Epistole al veleno ) !

    Non ve ne pentirete.

    Ciao a tutti

    P.S.: l'invito è esteso anche ai " cristicoli ", ovviamente!

  16. "Guarda che c'era anche Simone lo Zelota, detto il Cananeo"

    Lector,la mia idea è che Simone lo Zelota,(che lo chiamano anche il Cananeo) e Simone Pietro,siano la stessa persona.

    Pietro,non a caso,nel Novum testamentum Graece et latinae è soprannominato Barjona,che in aramaico significa "partigiano nascosto".
    A dar ulteriore conferma di ciò è il Talmud,nel quale "Barjona" corrisponde esattamente a "zelota".
    Quindi Simone Pietro Barjona=Simone lo zelota ( o il cananeo) è una conclusione che mi pare verosimile.

    Gli sdoppiamenti in realtà non fanno altro che moltiplicare i fratelli di Gesù per arrivare al fatidico numero di 12 (come le tribù di Israele).
    Nella cerchia di "apostoli" infatti ritroviamo tutti i nomi dei fratelli:

    -Giacomo (anche questo viene scisso in Maggiore e Minore ma in realtà è sempre uno)
    -Giuda Taddeo (Teuda) che lo sdoppiano nell'Iscariota (figura più rappresentativa di un tradimento,seppur indica l'appartenenza alla setta dei sicari)
    -Simone Pietro e zelota

    E chi manca tra gli apostoli?Manca lui,Giuseppe Menahem e la soluzione è anche fin troppo facile…Troppo giovane a quell'età per far parte della squadra partigiana,dovrà attendere i suoi anni per riuscire a strappar la veste regale negli anni della guerra giudaica,per poi finire ammazzato.

  17. @ Deicida

    " Gli sdoppiamenti in realtà non fanno altro che moltiplicare i fratelli di Gesù per arrivare al fatidico numero di 12 (come le tribù di Israele).
    Nella cerchia di "apostoli" infatti ritroviamo tutti i nomi dei fratelli: "

    Forse, non si tratta di sdoppiamenti, ma di semplici " alias " che, come sappiamo, i rivoluzionari usavano per non essere identificati…

    Dopotutto era abbastanza facile, visto che all'epoca non si ricorreva al DNA, all'identikit ed alle impronte digitali.

    Ciao a tutti

  18. In ogni caso, le probabilità che Gesù sia stato un vero e proprio rivoluzionario pretendente al trono d'Israele, piuttosto che un pacifico ed inoffensivo predicatore, sono altissime. Del resto, se egli fosse stato veramente quello che i vangeli dicono, non si comprende come mai tutti gli ebrei non si siano convertiti in massa alla nuova religione. Uno capace di resuscitare i morti, avrebbe convinto alla sua causa anche i sassi. E invece, niente! Quelli trovano un tizio che di Sabin e Pasteur se ne faceva un baffo, che – zac! – ti toglie la lebbra con una scorreggia e ti ridà la vista semplicemente sputandoti addosso e cosa ti combinano? Te lo inchiodano ad una croce. In confronto, il mitico Tafazzi di Aldo, Giovanni e Giacomo, è un vero edonista. Altro che perfidi giudei! Perfetti idioti, se fosse vero, avrebbero dovuto chiamarli per l'eternità.    

  19. E… comunque si trattava di un  Yeshua ( Giosuè ) e non Iesous o Gesù, come hanno tentato e tentano di farci credere!!

    Ciao a tutti

  20. ciao lector,sono playtemplar dal mio nuovo blog.

    la tua posizione su san paolo è diversa,a quanto vedo dalle opinioni"radicali"di kefos e,mi pare,deicida.

    la tua corrisponde alla mia,in linea di massima,nel descrivere paolo un genio,che tu definisci politico e io religioso.(entrambi?)

    paolo trasformò il pensiero politico-religioso nazionalista di gesù e compagni,già elaborato in chiave più mistica da Giacomo(grande leader religioso dell'opposizione)in una religione universale e mitologico-salvifica,genere sconosciuto in occidente.

    solo che ,credo io,non lo fece solo con il calcolo di un politico ma vivendo davvero una "crisi"identitaria e umana non sconosciuta a grandi di tutte le epoche.

    la ricerca storica di questi tempi ignora troppo questi aspetti:
    SOPRA E SOTTO:storia e psicologia nel testo biblico.

    su:
    http://psicosinthesis.blogspot.com

  21. "Del resto, se egli fosse stato veramente quello che i vangeli dicono, non si comprende come mai tutti gli ebrei non si siano convertiti in massa alla nuova religione."

    Ne sono perfettamente convinto.

    Se questi miracoli fossero davvero stati tali nessuno avrebbe potuto dubitarne (in un passo di un vangelo gli ebrei si incazzano perchè guarisce magicamente una persona… solo perchè era sabato e gli ebrei non possono fare nulla sabato!)

    Se ne deduce che se quel Cristo fosse stato davvero dio,sarebbe davvero un dio ridicolo dal momento che non riesce a convincere nessuno con i suoi giochetti di prestigio

  22. Ciao a tutti, io mi sono convertito tre anni fa e anch’io prima non credevo alla presenza di Dio e alla Sua Incarnazione e alla Sua venuta per avvertirci che nel mondo c’è il Demonio che ci vuole allontanare da Dio facendoci credere a cose che non danno la felicità vera ma quella falsa: le ricchezze portano all’egoismo, e Gesù ci è venuto a insegnare che l’egoismo si combatte con la povertà. Il sesso, la lussuria che rende sporco il nostro corpo e il nostro spirito e fa dividere le famiglie perchè non ci sposiamo per amare una persona ma per tradirla e desiderare altre persone. Questo avviene perchè siamo schiavi del sesso, malati e spinti dal Demonio a continuare perchè è una cosa normale. Invece non credete a queste cose sporche, seguiamo le parole di Gesù, che è vero Dio e vero uomo e arriveremo a vivere nelle gioia e nella pace vera. Dio non ci vuole togliere niente ma desidera riportarci a vedere la bellezza dell’amore che, una volta cresciuti abbiamo dimenticato a causa del Demonio che ci ha allontanati da Dio, dal Suo amore, e siamo arrivati al buio, immersi nello spirito del male dove litighiamo sempre e con tutti; dove lavoriamo per stare bene e solo il denaro è il nostro conforto. Non è così, cari fratelli e sorelle. Credete nel Signore Gesù, leggiamo il Vangelo e seguiamo le Sue Santissime Parole e vedrete che ritornerà la luce nei vostri cuori come è tornata in me che avevo un deserto nel cuore, ma ora, con la preghiera, la Santissima Eucaristia, la Santa Confessione, l’ascolto della Parola di Dio e il Santo aiuto della Mamma nostra, Potentissima e Clemente, di San Michele Arcangelo, di tutti gli Angeli nostri Custodi e tutti i Santi che pregano per noi, perchè possiamo arrivare anche noi alla meta di vivere felici nell’eternità come vivono loro, dicevo nel mio cuore è cominciata, con la preghiera, a spuntare un filo d’erba e poi un altro e ancora. Io, con la preghiera ogni giorno, la Santissima Eucaristia, che è il Santissimo Corpo e il Preziosissimo Sangue di Gesù, che ci ha detto “non abbiate paura io sono con voi tutti i giorni”, la Santa Confessione che cancella i nostri peccati perchè così vuole Gesù che è il Mare Infinito di Misericordia. A Lui non importa ciò che abbiamo fatto, basta riconoscere che abbiamo sbagliato e quando ci confessiamo in Chiesa, mi raccomando, il sacerdote è Gesù stesso. Credete nella Chiesa Cattolica e nei Santi Sacerdoti perchè sono stati scelti da Dio in Persona. E anche se sbagliamo, dobbiamo perdonarci a vicenda e non avere mai odio. Ma dobbiamo seguire gli insegnamenti di Gesù: non giudicare, amatevi gli uni gli altri, non arrabbiarti con tuo fratello e fai subito pace, perdonatevi, non sparlate. Con la misura con cui misurate verrà misurato a voi. Quindi fratelli e sorelle Gesù ci ha lasciato se stesso per lottare contro il Demonio. Mangiando il Suo Corpo e bevendo il Suo Sangue, Gesù stesso ci protegge contro il Male che ci vuole avere con sè nell’Inferno perchè è invidioso che noi possiamo avere la vita eterna e l’amore di Dio che Lui ha rifiutato. Allora crediamo e speriamo fino all’ultimo, non temiamo perchè Dio ci ama e, ogni volta che dubitiamo del Suo Amore, guardiamo Gesù in croce per noi, perchè lui ha accettato la volontà di Dio che voleva mostrarci e darci la prova fino a che punto ci sta amando. Il Suo Amore non finisce mai, è sempre ardente per noi, perchè siamo piccoli e veniamo ingannati tutti i giorni dal Demonio. Per questo Gesù è venuto a insegnarci le sue parole, per difenderci dal male e dall’inganno. Se noi crediamo in Lui e abbiamo fiducia in Lui e crediamo che Lui è buono e ci ama, allora il male comincerà a sparire vicino a noi e salirà sempre più Gesù. Cioè faremo vivere Gesù in noi e daremo a Lui la guida della nostra vita. Andiamo a Messa e cibiamoci del Corpo di Gesù; e confessiamoci dal sacerdote e abbiamo fiducia nella Madre Chiesa, fidiamoci e chiediamo aiuto e protezione alla Mamma Santissima, Regina del Cielo e della Terra. Grazie a tutti voi, che il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna, amen,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.