7 thoughts on “LA TALPA

  1. Io invece auguro alla zietta benedetta in sedicesimo una lunga, lunghissima vita ed un pontificato altrettanto lungo, lunghissimo.
    Che apra bocca o che stia zitto riesce sempre e comunque a far più danni di uno tsunami.
    Non ho mai visto nessuno riuscire a martellarsi i coglioni da solo con tale sistematica precisione.
    Come lui nessuno mai.
    Lasciamolo lavorare in pace.
    Amen.

  2. Una perfetta identità di vedute, direi.
    Solo che, al solito, Malvino ha espresso il concetto con la consueta eleganza.
    A me parte subito l’embolo. 😀

  3. Si martella i coglioni senza dubbio questo papa. Ma non vedo nessun cambiamento serio nella popolazione. Anzi la cosa sembra ancor più preoccupante se pensiamo che la gente continua a seguire questi criminali impostori NONOSTANTE siano stati coperti continuamente da scandali abnormi.

    Un saluto a tutti.

  4. Ciao Dei.
    se hai tempo, vai a leggerti l’articolo di Malvino in proposito, con il link che ho inserito. Molto divertente, anche se, purtroppo – per i motivi che dici tu – del tutto improbabile.
    Un abbraccio.

  5. Ciao Lector, ho letto il post di Malvino; purtroppo, vita lunga o corta, morto un papa se ne fa un altro, e la massa di pecoroni sarà sempre pronta a farsi tosare nonostante nuoti nel mare di merda creato dai criminali che adorano.
    Tempo fa credevo in una progressiva presa di coscienza da parte delle persone, una sorta di grande vaffanculo a questa schifosa religione che si sarebbe manifestato progressivamente, invece constato continuamente il contrario. E questo è un pò colpa di tutti: giornalisti e media pronti a leccare la merda del padrone stregone, un vaticano sempre pronto a rigirare le cose e presentarsi come vittima, e ultimo ma non meno importante un’intorpidimento irreversibile della capacità di pensiero libero da parte delle persone. Quindi oramai giungo solamente ad un’ unica conclusione: ma che andassero tutti affanculo.

    Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.