UN UOMO INTELLIGENTE RIMANE TALE ANCHE SE INDOSSA LA TONACA


benedetto-preservativoLa parrocchia cattolica di Lucerna, in Svizzera, ha distribuito gratuitamente per tre giorni preservativi, a cominciare dalla stazione ferroviaria. Secondo il parroco, Alois Metz, l’uso del condom “consente di proteggere vite umane e di seguire il comandamento: “ama il prossimo tuo come te stesso”": lo slogan adottato per l’iniziativa è infatti “Dimenticare è contagioso. Proteggi il tuo prossimo come te stesso”. Non ci sono ancora state reazioni ufficiali da parte della conferenza episcopale svizzera e della diocesi di Basilea, anche se alcune associazioni cattoliche hanno definito la campagna “irresponsabile”. Non mancano tuttavia sacerdoti favorevoli all’uso del preservativo all’interno della coppia, come riporta il sito Ticinonline. (fonte UAAR).

10 thoughts on “UN UOMO INTELLIGENTE RIMANE TALE ANCHE SE INDOSSA LA TONACA

  1. Possiamo dire che spacciare favole per una vita,non impedisce di salvaguardare un minimo di raziocinio.

    L'hai visto questo film Lector? The invention of lying.

    Molto bello,l'ho visto ieri.

    Un saluto.

  2. @—>Deicida
    Son andato in cerca della recensione, e ho trovato questo:
    "Devo dire che The Invention of Lying era un titolo che mi ero appuntato nel taccuino perché mi era sembrato decisamente curioso. Peccato che le logiche della distribuzione italiana snobbino film come questi, non particolarmente “difficili” ma senza un nome di richiamo che possa fare da bandiera. Per fortuna questa volta sarà almeno possibile recuperare il film in versione home video."
    "Le logiche della distribuzione italiana" o la lunga mano del Vaticano?
    Grazie per la segnalazione; visto che si trova solo in DVD, non ho difficoltà a procurarmelo.
    Ieri mi son visto finalmente "Ipazia", ma devo dire che mi ha abbastanza deluso. L'ho trovato incapace di far comprendere al grande pubblico la differenza tra cristianesimo reale post costantiniano (o post teodosiano) e quello mitizzato dall'apologia clericale.

  3. Direi piuttosto…il lungo tentacolo del Vaticano…

    E' un film molto intelligente,che parte da una intuizione tanto semplice quanto geniale:che mondo sarebbe se tutti potessero dire solo la verità…ma uno solo avesse il potere di mentire?

    Cosa non ti è piaciuto di "Ipazia"?

  4. Secondo me, non rende a sufficienza la perfidia dei cristiani. Li dipinge semplicemente come dei bruti, assetati di sangue e di violenza, senza addentrarsi nella loro logica perversa. Nel complesso, un buon film, ma non un capolavoro. L'occasione era buona per fare meglio. 

  5. Sì, sono d'accordo con te lector sul fatto che la critica al cristianesimo è abbastanza tiepida. Ma bisogna considerare che il film è incentrato sulla figura della filosofa e le varie superstizioni fanno un po' da contorno.
    La sequenza con l'immagine panoramica della biblioteca invasa dai cristiani che si muovono come tanti piattoloni neri è però del tutto azzeccata  e spiega  forse meglio di tanti discorsi quanto bassa e viscida fosse la loro statura morale.
    Filopaolo

  6. @—>Filopaolo, Deicida
    Ho visto ieri un documentario su alcuni pacifisti israeliani che entravano in Hebron per poter dialogare con i Palestinesi, visitandone le abitazioni e accedendo ai loro usi e costumi. Sono stati circondati per tutto il viaggio da fanatici oltranzisti ebraici, che li provocavano, coprendoli d'insulti e di costanti minacce d'aggressione fisica.
    Ecco, credo che il clima cupo e pesante del periodo d'Ipazia fosse esattamente quello che ho percepito per tutta la durata di quel documentario e che, al di là dei tafferugli e degli scontri tra diverse fazioni, il film non è riuscito a farmi rivivere.
    Probabilmente, come dice Filo, lo si deve al fatto che forse il film ha più una matrice femminista, incentrata sulla figura d'Ipazia, piuttosto che sulla matrice anticonfessionale. Ma ritengo che, proprio per questo fatto, gli manchi quel "quid pluris" che ci consentirebbe d'ascriverlo alla fascia dei capolavori, piuttosto che a quelle dei più comuni "buoni film".
    In ogni caso, da vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.