VACANZE SUL MAR MORTO

Dal sito “Eresie” dell’amico Alex

TUTTO AL MODICO PREZZO DI EURO 750.oo 
all inclusive
SODDISFATTI O RIMBORSATI
VIAGGI DEL NEGRIERO:
UN SOGNO NEL QUALE NON VORRESTI TROVARTI MAI!

3 thoughts on “VACANZE SUL MAR MORTO

  1. Come ho fatto in 27 anni a non pensare una volta di disporre gli asciugamani a croce?
    Sarà la prima cosa che farò domani!

  2. Ciao Dei.
    Ho appena terminato di guardare “L’esorcista” – versione restaurata – su Italia 1.
    Più lo vedo e più mi convinco che quel film lo ha finanziato la chiesa cattolica.
    Gli ingredienti ci sono tutti: prete in crisi di vocazione (padre Caras); prete poco prete ma in fondo buono (padre Dyer, peraltro interpretato da un prete vero); prete santo, erudito e capace di battere i demoni (padre Merrin); famiglia atea che viene colpita da qualcosa che la scienza non riesce a spiegare; resa della scienza che di fronte al soprannaturale ammette la propria impotenza; rinuncia della scienza a dare spiegazioni e suggerimento da parte della scienza stessa per un intervento salvifico con rito stregonesco della chiesa cattolica.
    Il tutto in un contesto così buffo e ridicolo che solo un coglione potrebbe reputare degno di nota. Mi chiedo come mai il film risalta fuori di questi tempi, dopo che è stato addirittura cambiato un papa per imbecillità del precedente. Che la chiesa abbia come “mission” quella di riconquistare il ricco mercato americano, assai in crisi dopo gli scandali pedofili?
    Con questo pensierino della sera, ti porgo un abbraccio e un caro saluto.

  3. Chiaramente è un film di matrice cattolica-fondamentalista. Tralascio di commentare il film perchè rasenta il ridicolo: il problema è che molte persone prendono queste americanate tremendamente sul serio. Se non sbaglio in uno di questi film sugli esorcismi all’inizio appariva la scritta del tipo: “tratto da una storia vera”. E posso solo immaginare quante persone danno retta a una frase del genere…Certo che se la chiesa si riduce a far ricorso a queste porcherie per ritrovare un maggior consenso tra la gente è proprio alla frutta.
    Un abbraccio, carissimo.

Rispondi a hannibalector Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.