HITSLAM

Farà discutere nei prossimi giorni la dichiarazione del Premier israeliano Benjamin Netanyahu, che ha colto l’occasione del suo intervento  di ieri presso il 37° Congresso Sionista Mondiale per presentare una propria “versione” di come andarono le cose durante l’Olocausto, lo sterminio di massa compiuto dai nazisti su ordine del Fuhrer Adolf Hitler e che costò la vita in pochi anni a 5-6 milioni di ebrei europei. Durante il suo discorso Netanyahu non ha esitato a gettare benzina sul fuoco della rivolta in atto nel Paese e in particolare a Gerusalemme tra Palestinesi ed Israeliani fornendo una sua personale visione sugli accadimenti che portarono al genocidio perpetrato ai danni degli ebrei dal Terzo Reich.

Secondo Netanyahu, Hitler avrebbe voluto solo espellere e non sterminare gli ebrei.

La narrazione di “Bibi” Netanyahu sulla Shoah si arricchisce di un nuovo capitolo, riportato dal quotidiano Haaretz. Secondo il Premier israeliano, Hitler non aveva intenzione di sterminare gli ebrei, almeno inizialmenteA convincerlo della necessità della “soluzione finale” e quindi della loro eliminazione fisica, sarebbe stato l’allora Gran Mufti di Gerusalemme, Haj Amin al-Husseini. La massima autorità giuridica dell’Islam sunnita in Palestina si sarebbe recato a Berlino per convincere il Fuhrer ad eliminare gli ebrei piuttosto che ad espellerli, poiché così facendo si sarebbero recati in massa a Gerusalemme. Hitler avrebbe quindi chiesto consiglio al Mufti, e quest’ultimo avrebbe risposto: “Bruciali”.

(Fonte qui)