LA LUCE DELLA FEDE CHE ILLUMINA IL TUO CAMMINO

Al rogo!

"

Rap  (di Malvino)

 

Niente di nuovo, roba cotta e stracotta: “Scopo della missione della Chiesa – dice – è di illuminare con la luce del Vangelo tutti i popoli nel loro cammino storico verso Dio, perché in Lui abbiano la loro piena realizzazione ed il loro compimento”. Mai stato disposto ad ammettere, il vecchio, che spesso non bastò la luce del Vangelo ma ci volle il fuoco dei roghi.
Il suo predecessore balbettò due o tre parole di pentimento nel 2000, chiese perdono per le violenze commesse dai papisti (a Dio, non alle vittime): a lui parve eccessivo il termine perdono, aveva suggerito riconciliazione, una specie di “chi ha avuto, ha avuto e chi ha dato, ha dato”. Persecuzioni e massacri, sennò assoggettamento e colonizzazione, schiavitù imposta a carne e a pensiero in nome dell’amore, gigantesche macchine di ricatto e di minaccia per triturare plebe. Tutto questo, al vecchio, è sempre sembrato il top, sicché il mondo avrebbe cominciato ad andare a puttane da quando, di tanto amore, la plebe non ne ha potuto più e a cominciato a farne a meno.

Per il vecchio, la caduta inizia dal XIV secolo: l’umanesimo, Cartesio, Kant, gli illuministi, il liberalismo… Il cammino storico verso Dio ha subìto qualche intoppo, va’ a capire se vi sia attinenza col reflusso dell’ondata imperialistica cristiana. Poco importa, il vecchio è certo che si possa “restaurare omnia in Christo”: certo, i cattolici dovrebbero darsi da fare di più. “Dobbiamo sentire l’ansia e la passione di illuminare tutti i popoli – esorta – perché tutti si raccolgano nell’unica famiglia umana, sotto la paternità amorevole di Dio”. Il suo, naturalmente, un Dio che senza dubbio è capace di provocare tutta l’ansia necessaria.
“È in questa prospettiva – aggiunge – che i discepoli di Cristo sparsi in tutto il mondo operano, si affaticano, gemono sotto il peso delle sofferenze e donano la vita”. Ecco, il vecchio qui rivela l’ipocrita che è sempre stato, anche da giovane, e definisce “dono” la vita che ai cristiani è tolta quasi sempre quando rompono il cazzo a fanatici più fanatici di loro, con spiccata attitudine a quella violenza che in essi è andata scemando negli ultimissimi secoli. Riaffermo con forza – il che è notevole se detto con la sua voce da zietta isterica – quanto più volte è stato detto dai miei venerati Predecessori: la Chiesa non agisce per estendere il suo potere o affermare il suo dominio…”.

Altolà, crucco bavarese: i tuoi venerati Predecessori da quale in poi? Quel “metro cubo di merda” di Pio IX, per esempio: il dogma dell’infallibilità papale non lo pretese per estendere il suo potere e affermare il dominio del vescovo di Roma su tutti gli altri vescovi? Quel poveraccio del Döllinger sta ancora appeso in croce, vecchio.
“Noi non chiediamo altro che di metterci al servizio dell’umanità”, dice. E se l’umanità dice: “No, grazie”, vi pare bello insistere fino alla molestia? Nel migliore dei casi, la veritas sta dentro l’esca della caritas, si può capire chi preferisca morire di fame piuttosto che abboccare. “La missione della Chiesa è quella di «contagiare» di speranza tutti i popoli…”.
Basta così, vecchio, ci mancava solo la metafora del contagio… Lascio il tuo pippone ai quattro gatti che ti credono vicario di Cristo. Un’altra cosa che ha sempre giocato in suo sfavore è il tipo di vicario che si sceglie.         
" 

Altre interessanti spigolature

il sacrificio d

Sempre dal sito di CIVILTA' LAICA (anche questo, troppo divertente per non copiarlo)

Una satira trovata in rete e liberamente adattata.
Le citazioni sono però autentiche, e non sono da
prendersi troppo alla leggera perché, sia pure
non più letteralmente, ispirano a tutt'oggi (e forse
in parte spiegano) l'intolleranza ed il fanatismo insiti
nel pensiero cattolico.

————————————————

cara Radio Vaticana,
leggendo la Bibbia mi sono venute molte idee che attendono un Vostro illuminato chiarimento:

  • Vorrei vendere mia figlia come schiava, come sancisce Esodo 21:7.
    Quale pensate sarebbe un buon prezzo di vendita?
  • Quando sull'altare sacrificale accendo un fuoco e vi ardo un toro, so dalle scritture che cio' produce un piacevole profumo per il Signore (Lev.1:9). Il problema e' con i miei vicini: loro, che sono degli increduli laicisti, sostengono che l'odore non e' piacevole. Che fare?  
  • Il Levitico ai versi 25:44 afferma che potrei possedere degli schiavi, sia maschi che femmine, a patto che essi siano acquistati in nazioni straniere.
    Un mio amico afferma che questo si puo' fare con i filippini, ma non con i francesi. Potete farmi capire meglio? Perche' non posso possedere schiavi francesi?
  • Un mio vicino insiste per lavorare di sabato. Esodo 35:2 dice chiaramente che dovrebbe essere messo a morte. Sono moralmente obbligato ad ucciderlo personalmente?
  • Un mio amico ha la sensazione che anche se mangiare crostacei e' considerato un abominio (Lev. 11:10), lo sia meno dell'omosessualita'.
    Perché mai essere omosessuali è più grave che mangiare crostacei?
  • Sempre il Levitico ai versi 21:20 afferma che non posso avvicinarmi all'altare di Dio se ho difetti di vista. Va bene lo stesso se uso un paio di occhiali?
  • Mio zio possiede una fattoria. E' andato contro Lev. 19:19, poiche' ha piantato due diversi tipi di ortaggi nello stesso campo; anche sua moglie ha violato lo stesso passo, perche' usa indossare vesti di due tipi diversi di tessuto (cotone/acrilico). E' proprio necessario che mi prenda la briga di radunare tutti gli abitanti della citta' per lapidarli come prescrivono le scritture? Non potrei, piu' semplicemente, dargli fuoco mentre dormono, come consiglia Lev. 20:14 per le persone che giacciono con consanguinei?

     Luigi M. Nicolai

  • SPIGOLATURE INTERESSANTI

    masada

    DAL SITO DI CIVILTA' LAICA

    Sapevi che Cristo è stato nominato "Figlio di Dio" con decreto imperiale da Costantino soltanto nel IV secolo? 

    Sapevi che la città di Nazareth nel I secolo non esisteva ancora e che fu indicata nei Vangeli come città di Gesù per giustificare pretestuosamente il titolo di "Narareno" spettante ai discendenti di sangue reale ai quali era affidato il compito di liberare Israele dal dominio straniero 

    Sapevi che i nomi degli Apostoli (replicati e sdoppiati fino a raggiungere il numero simbolico di 12) corrispondono perfettamente sia a quelli dei "fratelli di Gesù" menzionati nei Vangeli (Mc., 6:3; Mt., 13: 55) che a quelli dei figli di Giuda il Galileo, dei quali troviamo traccia nelle cronache del tempo (Giuseppe Flavio), come rivoluzionari messianisti di discendenza davidica giustiziati dai romani per aver organizzato ribellioni armate contro il dominio di Roma?

    Sapevi che la maternità divina di Maria è stata stabilita soltanto nel V secolo al Concilio di Efeso, a seguito delle pressioni di Cirillo d'Alessandria e grazie ai regali con i quali riuscì a corrompere i partecipanti per assicurarsene l'assenso? 

    Sapevi che gli antichi culti che precedettero il cristianesimo pullulano di figli di Dio nati al solstizio d'inverno in una grotta, preannunciati da una stella, sacrificati su un patibolo, morti, sepolti, risorti al terzo giorno e ascesi in cielo da dove ritorneranno alla fine dei tempi per giudicare i vivi e i morti?

    Sapevi che l'eucarestia, che faceva parte delle celebrazioni del culto del Dio Mithra (fagocitato dal cristianesimo),  sarebbe stata rigettata sdegnosamente dagli ebrei del I secolo che l'avrebbero considerata come un atto blasfemo e raccapricciante (teofagia: nutrirsi del corpo di Dio)?

    Credi davvero che un messia che in quel tempo e in quei luoghi si fosse rivolto al popolo per promuovere l'amore verso i nemici (i Romani) e la sottomissione al potere, sarebbe riuscito a superare il primo minuto del primo discorso pubblico prima di essere lapidato?

    Hai idea di quante rivisitazioni, falsificazioni, innesti redazionali e  accomodamenti abbiano subito i Vangeli nel corso dei secoli allo scopo di adeguare l'immagine del "Figlio di Dio" alle esigenze di governo delle coscienza del mondo da parte della Chiesa? 

    Hai mai sentito parlare del movimento rivoluzionario zelota di ispirazione messianista? 

    Ti sei mai domandato come mai Roma, avamposto del mondo civile antico,  disposta a accogliere tutte le tradizioni e le fedi dei popoli sottomessi, non riuscì ad essere tollerante proprio nei confronti dei miti e pacifici oranti di fede cristiana disposti a dare "a Cesare quel che è di Cesare"? 

    Ti stupiresti se scoprissi che il rassicurante volto sofferente che si affaccia dalla cornice sul comò della nonna apparteneva in realtà ad un Re ribelle che finì in croce per aver promosso una ribellione organizzata contro Roma? 

    Raffaela Trequattrini

    THINKING BLOGGER AWARDS

    thinkingbloggerpf8

    Non so se vale come lo faccio. Quando mi sono collegato al sito in questione il computer mi si è bloccato e poi improvvisamente spento. In ogni caso a valere è il pensiero:

    1) L’ESTINTO di Ivo Silvestro, per gli argomenti stimolanti che propone e per la grande ospitalità e simpatia del padrone di casa.

    2) IL MONDO DI GALATEA di Galatea72, perché Donna Galatea scrive in maniera divina e non v’è nulla di più esaltante per un vecchio Lector in Fabula, incallito come me, che allo scrivere preferisce mille volte il leggere.

    3) NO-FOG di Medita Partenze, perché spigola tra le sensazioni come un cercatore d’attimi preziosi.

    4) FABRISTOL di Fabristol, dottorando in UK, perché mi è simpatico.

    5) GRASSAEBELLA di Cate, perché è il mio angolo segreto.

    Ci sono ovviamente tanti altri blogger capaci di far pensare (Asmenos, Herdakat, Eno, Kendros,  tanto per ricordarne solo alcuni e per scusarmi con coloro che, seppur meritevoli, non ho inserito lì sopra. Tant’è, putroppo la regola parla di cinque e impone di scegliere).