38 thoughts on “QUALCOSA DI BELLO PER RIPRENDERE FIATO

  1. Ma io avevo visto quesot post qualche giorno fa ma non riuscivo a capirne i motivi. Il link rimanda ad una radio. Qual è il senso?

  2. C'è un programma su RadioDue, che va in onda dalle 8,30 alle 10,00 del mattino, molto molto seguito, che si chiama "Il ruggito del coniglio". In una delle sigle, c'è una strofa che dice, per l'appunto "Questa coniglia, che meraviglia!". Ho tradotto in immagine il suggerimento del musicista. Ciao

  3. @—->Roberta
    L'ho proprio copiata dal blog di Vittoria Feltri, visto che lei/lui è sparita/o e quella foto non meritava di finire nel dimenticatoio …

    @—>Metropoleggendo
    E' il fascino segreto del lato B …..

     

  4. Dove pensi che fossi finito ?

    …a sfottere, o meglio, sputtanare un po' di cristicoli!

    Ciao, grande.

    P.S.: Hai visto che se stanno a " 'nventà " Papa, Sodano,
    Giovanardi ecc. " sulla pedofilia dei preti ?

    Mò sostengono tutti che B4x4, abbia tutelato le vittime !!

    Ma, il " De Crimen Sollicitationis " ed il " De Delicti Gravioribus " li ho firmati io o lui ?
    Ehm, 'n sarai stato mi'a tu ?

    Ciao

  5. O.T.: Mi sto gustando il pallonaro G. Minoli su " la sacra sindone ".
    Domanda dell'esimio : Si può confutare che il sangue sulla sindone appartenga a Cristo ?

    Risposta dell'esperto ( non lo cito per evitare conati di vomito ): Non si può confutare ( … e finisce lì ).

    Ma c…o, perché non gli ha anche chiesto " se si può affermare " ?

    E nessuno parla della trama del lino, visto che all'epoca veniva usata solo quella a croce !  E non quella più complessa di quella
    della " Sindone ".

    Ciao

    P.S.: Lo fai un post su 'sta cavolo di Sindone ? ( Ti garantisco il mio aiuto incondizionato ).

    Ciao

  6. @ lector

    Sindone.

    No, non l'avevo letto, ma c'è un'altra ipotesi che qualche anno fa mi ha " intrigato ", se vuoi appena ritrovo le fonti te le posto.
    Sembra che il famoso lenzuolo abbia avvolto un capo dei Templari sottoposto alle stesse torture e supplizio del presunto GC, proprio intorno al 1200 ( epoca alla quale viene appunto fatto risalire il tessuto tramite l'esame con il C14 ).

    Ciao

  7. @—>Kefos
    Sì, l'ho letto quel libro. Mi pare si chiami "La chiave di Hiram". E' pura robaccia al 100%. Una storia estremamente improbabile.
    La mia modestissima tesi, invece, è la seguente: uno scopre casualmente la maniera d'impressionare un telo di lino, mediante una pomata, una crema, un unguento, contenente a sua insaputa del materiale radiattivo (tipo radio, uranio, ecc.). Ovviamente, lui non sa che le proprietà dell'unguento discendono dalla presenza di questi elementi instabili e non riuscirà più a fabbricare di nuovo quel prodotto speciale; tuttavia è un furbastro e capisce subito che con quel trucco potrebbe fare una montagna di soldi. Prende un cadavere, gli infligge tutte le ferite che si deducono dalla lettura della passione contenuta nei vangeli, lo cosparge per bene con l'unguento, lo avvolge nel telo, lo lascia al buio per un po' di giorni, ad impressionarsi lentamente con le deboli radiazioni dell'unguento, et voilà, il gioco è fatto. Vende la preziosissima pseudo-reliquia alla regina Elena, madre di Costantino, che era famosa per bersi tutto quello che le raccontavano e che trasporta il lenzuolo ad Edessa, dove ha inizio la leggenda del Mandylion.
    Mi sembra plausibile come ipotesi, molto più di altre fantasiose spiegazioni.

  8. @ Lector

    Hai indovinato, ma solo in  parte !
    Ho letto anch'io " La chiave di Hiram ", ma se, appena appena, mi conosci, sai che non potrei mai considerarla " attendibile "…
    Ce ne sono altre.

    un abbraccio

    P.S.: Per Emergency ?

    Di nuovo

  9. @ lector

    Come fa il personaggio della tua tesi a vendere ad Elena ( III° sec ) un lenzuolo del 1200 ?

    Ciao

    ( Il tutto sta nella " trama " del tessuto !! )

  10. Ci sono troppi particolari che un uomo del XIII° secolo non poteva conoscere, mentre uno del III°/IV° sì. Del resto, è al III°/IV° secolo che risalgono le prime notizie storicamente attendibili attorno all'esistenza di bende, lenzuoli, sudari, ecc.

  11. Ahò, e non me voi fa' dormì…
    Hai detto bene…si tratta sempre  di bende, mai di " lenzuoli ".

    Ciao

    P.S.: Si può, comunque, approfondire…

  12. Dimenticavo…

    Stai parlando del III/IVà secolo… ovvero l'era dei " Padri(ni) della Chiesa, tipo Falsario, pardon, Esusebio di Cesarea ???

    Ciao

  13. Sì, intendevo proprio il III°/IV° secolo in quanto età d'oro dei falsari, con la "vera" croce, la lancia di longino, il testimonium flavianum, la constituto constantini, ecc. ecc. ecc. L'artefice della sindone deve essere cercato lì, a mio modestissimo avviso, perché era il periodo in cui la chiesa bramava a tutti i costi di legittimarsi agli occhi dell'impero e le reliquie assolvevano anche a questo compito, catalizzando la credulità e la conseguente devozione popolare.

  14. Bisognerebbe rifare l'esame su un altro pezzo di tessuto. Questo, non per negare la validità dell'esame già fatto, ma solo per poter mettere definitivamente la parola fine alle obiezioni derivanti da indagini di altra natura (filologiche, storiche, biolochimiche, ecc.), che hanno pur sempre un certo grado di plausibilità. Ma figurati se la chiesa rischierà un altro smacco: a loro basta che la pseudo-reliquia procuri un sacco di soldi, se ne fregano della verità storica!
    In ogni caso, il guaio più grosso, è l'inaffidabilità delle fonti d'informazione; e questo vale tanto per quelle pro che per quelle contro. Non sai mai se si stia dicendo o meno il vero e non qualcosa di manipolato ad uso e consumo della propria parte.

  15. Sì, l'avevo già letto anch'io. La Sindone m'interessa come potrebbe interessarmi un bel giallo o un buon libro di fantascienza. Sono sempre più convinto che Gesù in realtà fosse Gesù bar Abba, proprio per via di quella strana vicenda priva di riscontri storici e giuridici, della liberazione d'un prigioniero il giorno della pasqua ebraica. Sembra stata inventata ad arte per confondere e imbrogliare le cose sulla vera identità dell'uomo crocifisso. Quindi non certo un dio, ma un aspirante al trono di David in quanto imparentato in qualche maniera con la dinastia legittima d'Israele. Fu ucciso dai romani perché a capo d'una setta sediziosa che sperava di sollevare Gerusalemme contro l'invasore, ma venne abbandonato e denunciato proprio dai gerosolimitani – che oramai avevano imparato a trarre profitto dall'occupazione, un po' come il governo Petain con i nazisti – ossia dagli appartenenti alla tribù di Giuda, da cui la metafora del tradimento di uno degli apostoli.

  16. Io opto per Giovanni di Gamala ( Cfr. Cascioli e Tranfo ).
    Comunque sia, all'epoca, il GC dei Vangeli ( come le sue gesta ) non le conosceva nessuno.

    Ciao

    P.S.: Ho lanciato una sfida in merito ad una cristicola e solo sull'analisi dei loro beneamati testi sacr, Patristica inclusa…attendo.

    Di nuovo

  17. Direi che la mia tesi è molto simile a quella di Cascioli e Tranfo e, in fondo, si basa quasi sugli stessi presupposti. Son convinto che prima o poi una qualche fonte non manipolata ci svelerà l'arcano. Per ora, son tutte ipotesi aventi la medesima dignità. 
    Un abbraccio.

  18. " Predofili "
    Papa, cardinali, vescovi e preti, citano sempre un testimone e/o colpevole che non si può difendere e nemmeno testimoniare  ( Dio ) !!

  19. Molto interessante l'articolo del CICAP. Interessante, perché demolisce con precisione scientifica uno dei baluardi dei sostenitori dell'erroneità della prova del C14.

  20. @ Lector

    Visto ?

    Avevo consigliato ai creazionisti di farsi un viaggio ad Isernia per vedere l'Homo Aeserniensis ( o Iserniensis ) risalente a ca 750.000 anni fa ( C14 ) visto che affermano risalire la " Creazione " a ca 6200 anni fa ( c'è qualcuno che, addirittura, conosce la data esatta, e senza il C14; forse con il " pendolino "   ) ma preferiscono la via per Compostela o per Lourdes !

    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.