PENSA A LI PERDONACCI TUOI

 

– Immigrati perdonateci !

Maddeché ? Non condividiamo la richiesta di perdono platealmente invocata da Francesco-papa perché gli immigrati sono stati salvati, accolti, nutriti e assistiti in Italia a decine di migliaia. E molti di loro hanno pensato bene di ripagarci devastando e incendiando le strutture messe a disposizione e persino le navi da crociera nelle quali li abbiamo provvisoriamente alloggiati. Non siamo stati noi italiani a creare le condizioni di fame e disperazione di cui sono responsabili solo i governanti dei loro paesi. in maggioranza musulmani. Non siamo responsabili noi delle tempeste che hanno fatto affondare le loro carrette del mare, ma invece siamo sempre andati in loro soccorso anche lontanissimo dalle nostre coste ogni volta che ci sono arrivate richieste di aiuto. Di cosa dobbiamo chiedere perdono ? Fa bene a farlo Francesco-papa, assumendosi la responsabilità della crescita esponenziale della popolazione degli affamati che è anche colpa della chiesa cattolica perché insieme alle autorità religiose e politiche musulmane ha sempre boicottato in tutti i consessi internazionali qualsiasi politica di controllo della bomba demografica. Questa sì la vera responsabile della fame, la povertà, le malattie e la disperazione da cui quei disgraziati fuggono. Quella richiesta di perdono a nome di Cristo, ma a spese di Cesare, può avere un senso e una giustificazione solo se Francesco-papa e i suoi vescovi, preti e monache proprietari di migliaia di immobili con decine di migliaia di posti letto (fonte di lucrosi incassi senza pagare l’Imu), e i suoi corifei politici di centro, di destra e di sinistra, ammalati di buonismo a spese degli altri, mettessero a disposizione le loro private strutture e i loro quattrini personali e di partito per accogliere le centinaia di migliaia di disgraziati che questa improvvida richiesta di perdono sta già provocando.

(Dal sito No God)

2 thoughts on “PENSA A LI PERDONACCI TUOI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.