LA RELIGIONE E' VELENO PER IL CORPO E PER LA MENTE

burqa(Dal sito Feminist Philosopher)
"This article describes a depressing phenomenon amongst the Pashtun in Afghanistan: Women are viewed as either so inaccessible, or so unclean (it seems to vary) that they cease to be viable objects of sexual desire for many men. The men turn instead to boys, many so young that real consent isn’t possible. And this all seems to be widely accepted in the culture. You might think there’s a bright spot to this: surely it constitutes acceptance of homosexuality. But you’d be wrong: homosexuality is still vilified, but defined in such a way that men having sex with boys doesn’t count"

Abbozzo una traduzione per chi non masticasse l'inglese:
"Questo articolo (premendo sul tasto sinistro del mouse, il link ci trasporterà ad un articolo del "San Francisco Chronicle") descrive un fenomeno deprimente tra i Pashtun dell'Afghanistan: le donne sono viste come talmente inaccessibili o talmente "impure" (sembra che la cosa sia variabile) che esse cessano di essere leciti oggetti di desiderio per molti uomini.  Gli uomini, allora, si rivolgono ai ragazzi, molti dei quali così giovani che un  loro consenso consapevole non può essere possibile. E tutto ciò risulta ampiamente accettato dalla cultura del luogo. Si potrebbe pensare che ci sia un'evidenza illuminante per questo: sicuramente costituisce un'accettazione dell'omosessualità. Ma ci si sbaglierebbe: l'omosessualità è tutt'ora denigrata, ma definita in maniera tale che il far sesso con dei ragazzini da parte degli uomini, non conta come tale."

12 thoughts on “LA RELIGIONE E' VELENO PER IL CORPO E PER LA MENTE

  1. Che dire? Far finta che la donna in quanto essere vivente non esista; oppure considerare la donna ontologicamente impura; fare sesso gay e far finta di non averlo fatto: mi si accuserà di psicologismo ma più che materiale per studiosi di storia delle religioni, mi sembra roba per psichiatri.
    Filopaolo

  2. Rileggendo mi sono accorto che mi era sfuggito che in molti casi si tratta di vera e propria pedofilia: appunto, dicevo, si tratta di materia per psichiatri, e non solo.
    A proposito: in Sudan le cose vanno più o meno allo stesso modo.
    Filopaolo

  3. @—>Filo
    Non sapevo che anche in Sudan le cose andassero più o meno così, ma mi sembra un'apoteosi della pazzia. Non vanno con le donne perchè glielo proibisce la religione, la quale però ammette pienamente l'inchiappettamento di bambini non consenzienti e, per finire, bruciano sul rogo gli omosessuali.
    Per forza che quel tuo collega di lavoro si tappa le orecchie quando gli leggi Odifreddi! Siamo agli antipodi di qualsiasi razionalità.
    P.S. Un consiglio: stai attento a quel tuo collega; non esporti troppo, perché le menti bacate dalla religione possono essere tanto imprevendibili quanto un animale selvatico ed attaccare senza preavviso, quando meno te lo aspetti.

  4. Che razza di contorsione è questa cazzo di religione?!

    Non puoi scopare le donne perchè impure per qualche arcano motivo noto solo ai "grandi" teologi che si occupano di minchiate galattiche; i maschi sì però…ma l'omosessualità è punita con la morte.

    Non mi sembra ci voglia un genio per capire che queste concezioni pericolose e assurde dovrebbero essere eradicate per sempre dalla faccia della Terra.

    La religione è proprio un cancro.

  5. Ciao Lector! Ho letto il tuo messaggio di là… non scrivo più dopo una brutta parentesi nella mia vita che sto riuscendo a chiudere a fatica… insomma il periodo in cui se ti fanno la classica frase "ciao, come butta?" rispondi "male" senza aggiungere altro. Tutto qui, avevo anche messo un post anche li per non sembrare matto che sparivo d'un tratto, insomma da li non mi sono più ripreso quanto meno dal punto di vista della voglia di scrivere perchè poi quel blog quella persona lo leggeva, mi diceva la sua insomma… poi è andata a finire così. Ma spero che mi torni presto la voglia di riprendere a curare il mio blog, perchè insieme ai vostri era una bella cosa… infatti lo tengo la e vi tengo sempre linkati proprio per continuare a contribuire anche forse solo per sbaglio (magari uno finisce li che non è aggiornato e poi passa di qua o dagli altri), con i nostri piccoli blog-gocciolina nel mare di artata disinformazione. Comincierò con l'essere più presente da voi, se vorrete ospitarmi io dirò con piacere la mia, come sempre 🙂 A presto, allora!
    Ps. Ciao Deicida!
    statolaico

  6. Grazie del consiglio Lector. Ci avevo già pensato anch'io che con certa gente, per quanto apparentemente affabile, bisogna starci attenti. Comunque quando gli ho detto di me mi ha tranquillamente detto che se fossimo nel suo paese voterebbe per la mia messa a morte. Gli ho risposto che se dipendesse da me, nel mio paese lo costringerei ad un trattamento sanitario obbligatorio.
    Filopaolo

  7. @—->Statolaico
    Ciao carissimo. Mi dispiace per quello che ti è successo, qualsiasi cosa possa essere. Se ti vien voglia di postare senza riaprire il blog (magari un commento a un fatto di attualità, a una notizia che ti sembra giusto condividere) come già per Kefos, sappi che i nostri blog sono sempre a tua disposizione (penso d'interpretare correttamente anche la volontà di Deicida, in proposito).
    Un abbraccio.

    @—->Filopaolo
    Sapevo che ti eri esposto, me lo sentivo. Ti rinnovo l'invito alla prudenza nel parlare: non farci stare in ansia.
    Un abbraccio anche a te.

  8. Ciao statolaico,

    immaginavo che fosse stato un brutto periodo, e ti scrissi anche quando pubblicasti uno dei tuoi ultimi post.

    Mi associo con quanto affermato da Lector,e ovviamente il mio blog è sempre aperto a qualsiasi tuo intervento.
    Fatti sentire!

    Un abbraccio.

    Filopaolo,con certa gente è meglio una sana indifferenza.

  9. Ho dimenticato la parte più comica della faccenda: il mio collega sudanese non ha niente di personale contro di me, anzi gli sto pure simpatico e per lui sono il collega migliore fra tutti e quello con cui lavora meglio. Mi metterebbe a morte solo perché l'omosessualità è condannata dal corano. Cioè nel suo paese sarebbe obbligato dalla parola di dio a farlo, non per sua decisione. Vi rendete conto? Qui siamo di fronte a gente che ammette tranquillamente di poter commettere atti criminali, ma per volontà altrui.
    Filopaolo

  10. P.S.
    E non stiamo parlando di uno che abitava in un villaggio della savana e arrivato con il gommone: è uno laureato in Scienze politiche al Cairo e  abita in Italia con lo status di rifugiato politico (dice che è dovuto fuggire perché era membro di un partito di ispirazione socialista…mah).
    Questo conferma per l'ennesima volta la mia opinione che il fascismo si annida sempre fra le classi medie.
    Filopaolo

  11. @—-Filopaolo
    "il fascismo si annida sempre fra le classi medie"
    Ho vissuto per un lungo periodo in America Latina. Le nostre categorie filosofiche, sociali, politiche, non si possono applicare così, sic et simpliciter, a quelle popolazioni. Analogamente, per gli asiatici. Si tratta di culture che scaturiscono da un altro substrato, totalmente diverso rispetto al nostro, di diretta matrice ellenistica. Si badi,  non faccio paragoni qualitativi; dico solo che è differente.

  12. Me lo avevi già fatto notare in altre occasioni ma io resto della mia idea: qualsiasi tipo di ideologia totalitaria moderna trova il terreno giusto per alimentarsi nella mentalità della classe media borghese, i cui valori oggi sono gli stessi a tutte le latitudini. Il mio collega sudanese parla delle sue aspirazioni frustrate di scalata sociale, della sua insoddisfazione riguardo alla sua condizione attuale, delle promesse delle istituzioni e della politica non mantenute, della corruzione, di quelli che si arricchiscono mentre lui no, del fatto che tutto questo accade perché si stanno perdendo gli antichi valori, della necessità di qualcuno che faccia rispettare le leggi. Mi chiedo quale differenza ci sia fra lui e un fascista italiano quando la soluzione che prospettano entrambi è la necessità dell'uomo forte e con un potere pressoché assoluto. Il fatto che il primo lo identifichi con dio mi sembra politicamente del tutto secondario.
    Filopaolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.