FASCISMO DI PIETRA

richard meier_museo dell

POSTATO DA GALATEA

Quando è scoppiata la polemica sull’Ara Pacis, che Rutelli e Veltroni hanno impacchettato e che ora Alemanno vorrebbe velocemente disimballare dal “cofanetto” di Meier, per caso, puro caso – alle volte il destino ci mette la coda – stavo leggendo un bel saggio di Emilio Gentile, Fascismo di pietra (Bari 2007), una interessante disamina sui rapporti, durante l’evo fascista, fra architettura, propaganda politica e recupero, vero o presunto, della storia e dell’estetica romana.
Non ho mai avuto né mai avrò alcuna simpatia per il fascismo e per le dittature in genere, ma, da storica, e soprattutto da storica antica, ho sempre provato invece un vivo interesse per quel periodo e soprattutto per quell’intrico complicato e assieme naif che fu la propaganda del regime.
Il fascismo è stato un movimento …

(se volete conoscere come termina l’articolo, dovete proseguirne la lettura qui)

5 thoughts on “FASCISMO DI PIETRA

  1. analisi corretta, ma resta il fatto che non mi piace proprio… poi magari è giusto tenerla e io sono uno dei 3 milioni di abitanti, ma coem ha detto lesandro da galatea, ogni volta che la vedo è come ricevere una ginocchiata… nello stomaco 🙂

    cari saluti

    meditapartenze

  2. Ciao Medita.

    In verità, non sono granché interessato al monumento, che ho visto dal vivo mentre era ancora in fase di costruzione e pertanto non riesco a valutare bene nel suo impatto urbanistico. Ho linkato il post di Galatea perché mi è molto piaciuta la sua analisi e, naturalmente, lo stile.

    Saluti carissimi anche a te. 🙂

  3. Però, nell’ultimo post, me la sono presa con gli appassionati di fantarcheologia egizia… gradirei un tuo parere…

    Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.