ELOGIO ALLA RAGIONE

matematica

"….poiché la Binetti mi aveva già accusato di avere dei pregiudizi nei confronti dei cattolici, ho ribadito alla Commissione (del Partito Democratico, ndr) di non credere di averne, così come non credo di averne nei confronti degli astrologi o degli spiritisti: semplicemente, mi limito a constatare che essi hanno visioni del mondo antitetiche a quella scientifica, e più in generale alla razionalità, e ne deduco che sarebbe bene che esse rimanessero confinate nel campo individuale. E, così come non propongo l’abolizione degli oroscopi, non propongo neppure di impedire le prediche: mi sembra sensato, però, pretendere che non sia sulla base di queste cose che vengano prese le decisioni politiche dei nostri governanti……." Piergiorgio Odifreddi

"Certo, dal punto di vista laico, la capacità che la Chiesa cattolica ancora possiede di mobilitare masse di persone rappresenta un problema. Una specie di peso morto, che introduce un elemento di vischiosità nel dibattito della società civile. Un’istituzione che arranca con ritardo, e costituisce una resistenza conservatrice (se non reazionaria) nell’accettazione di quelle che alla sensibilità “laica” sembrano direzioni auspicabili di movimento della società: di volta in volta democrazia politica, suffragio universale, libertà di stampa, libertà di opinione, libertà di culto, uguaglianza di diritti per i due sessi, abolizione della pena di morte, introduzione della possibilità di divorziare, una nuova concezione della sessualità etc. Una forza conservatrice che poi, dopo aver ritardato le cose di molti decenni, finisce quasi sempre per accettarle come più o meno naturali……….In questo caso il “laico”/la “laica” fa un ragionamento semplice, ma inoppugnabile: se fosse dipeso dalla Chiesa (cattolica) nessuna di queste libertà (di cui pure ora tutti fanno uso, anche i cattolici) esisterebbe. Perché mai dovremmo lasciare che questa forza conservatrice abbia un peso anche su possibili libertà future (delle quali senza dubbio poi anche gran parte dei suoi affiliati faranno uso)?" Marmulak

4 thoughts on “ELOGIO ALLA RAGIONE

  1. marmulak, torna, ‘sta casa aspetta a te!!!

    comunque, non è esattamente così. prendi per esempio la democrazia. se è intesa, come inizialmente fu, come una dittatura della maggioranza slegata da qualsiasi riferimento a valori morali (come la Repubblica di Weimar, per esempio) allora il giudizio era e resta negativo, se invece è intesa come metodo attraverso il quale la società riconosce autonomamente i valori che la costituiscono, ben venga, anzi!

    (storicamente il giusnaturalismo fu qualcosa di analogo nell’umanizzazione dell’impero)

    così per il metodo scientifico, che non deve essere inteso come fonte di verità assolute da contrapporre alle verità di fede, eccetera…

    saluti a renato

    ps. ma se renato è batman, allora marmulak chi è? jean-claude?

  2. Un commento con battute allusive di cattivo gusto e fuori luogo, meriterebbe almeno la firma.

    In un paese come il nostro, dove tutti suppongono sempre di saperne di più degli altri, mentre non sanno un cazzo; dove tutti vogliono sempre parlare e nessuno capisce mai quando è il momento di tacere e d’ascoltare; in un paese così, dico, se ti capita di trovare per caso una mente che realmente brilla per inusuale ingegno e che stupisce per la sua originalità e perché non dice le solite ignobili banalità che dicono tutti (compreso il sottoscritto), un doveroso omaggio alla sua INTELLIGENZA non potrà che essere oggetto di scherno.

  3. Ok. Uno scherzo lo accetto sempre, grazie per la precisazione: ritiro quello che ho detto. Ma non toccatemi Marmulak; come si dice, scherza con i fanti, ma lascia stare i …… (ahi, se lo paragono ai santi, quello s’incazza proprio) :-)))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.