DRAMATIS PERSONAE

faccendiere

Oggi ho ricevuto una notizia che m’ha letteralmente sconvolto.

Un mio conoscente di gioventù – amico sarebbe una parola troppo grossa e addirittura compromettente – è stato appena designato a un importante e prestigioso incarico di rilevanza nazionale.

Orbene, niente da dire se si trattasse d’un soggetto integro e moralmente ineccepibile, ma stiamo parlando d’un noto trafficone, d’un palese evasore fiscale, d’un faccendiere senza scrupoli né etica, d’un personaggio che a detta di tutti sarebbe meglio perdere che trovare.

Nonostante questo, viene insignito d’un riconoscimento che istituzionalmente dovrebbe al contrario appartenere a qualcuno d’esemplare e specchiata onestà, trattandosi d’una magistratura a contenuto di sindacato e controllo.

Erode che gestisce un giardino d’infanzia. Arsenio Lupin alla guida della Banca di Francia.

Ecco, la vicenda qui riportata non fa altro che darmi la conferma di quel che ho sempre pensato, ossia che in Italia siamo ridotti a questo punto perché non c’è reale biasimo sociale verso chi si comporta disonestamente. La gente non spregia il disonesto, non lo disistima.

Tutt’altro. In realtà, lo invidia profondamente.

E’ l’onesto ad essere fuori posto in questo paese. Ecco perché, ogni giorno di più, matura in me la convinzione d’andarmene. Ma la mia è solo un’implicita ammissione di sconfitta e non vi dico quanto mi bruci doverla dar vinta a questa gentaglia. Però, di fronte a queste cose, mi sento oltremodo solo e impotente. E nauseato.

2 thoughts on “DRAMATIS PERSONAE

  1. Comprendo benissimo il tuo stato. Sono situazioni che puoi ritrovare in ogni ambito: dalla scuola, alla sanità, alla politica, alla tv, ecc…l’elenco sarebbe infinito.
    Il fatto positivo è che ancora sei nauseato per questo scempio. Il brutto è quando arriva l’indifferenza. Ancora, (credo) di non esserci arrivato. Ancora mi incazzo e mi nauseo. Ma forse un giorno subentrerà, purtroppo, la scrollata di spalle, la sconfitta definitiva.

    • Amico mio, il dramma è che oramai sono quasi sulla soglia della pensione – sempre ammesso di riceverne una.
      Se solo fossi più giovane, avrei levato le tende già da un pezzo.
      Ma trent’anni fa, avevo ancora la speranza che un giorno le cose sarebbero migliorate. Speranza che oggi purtroppo è svanita completamente.
      In realtà, come diceva saggiamente il nostro grande Friedrich Nietzsche, “La speranza è il peggiore tra i mali, poiché prolunga i tormenti degli uomini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.