DESOLAZIONE

desolazione
CHIUDONO I BATTENTI SEMPRE PIU' BLOG , SIANO ESSI DI FILOSOFIA O D'ATTUALITA', DI POLITICA O DI GOSSIP, ANTICLERICALI O CONFESSIONALI, SERI O FACETI.
SEMPRE MENO GENTE PARTECIPA ALLE DISCUSSIONI, MENTRE  VECCHI AMICI SCOMPAIONO IMPROVVISAMENTE NEL NULLA, COSI' COME SONO VENUTI.
META' DEI BLOG ELENCATI NELLA LISTA A LATO NON PUBBLICANO PIU' UN POST DA MESI ……

17 thoughts on “DESOLAZIONE

  1. Ciao Lector
    so di essere uno di quelli a cui ti riferisci, per cui parlo della mia esperienza… ma non escludo che altri possano ritrovare in qualche punto:
    – non aggiorno più il blog in parte perchè MSN fa schifo; tra l'altro ho da poco eseguito la migrazione -forzata- a wordpress; per quanto dovrebbe essere un passaggio migliorativo non ho una gran voglia di imparare le nuove funzioni, in primis per pigrizia;
    – trovare argomenti di cui parlare, che non siano già stati affrontati altrove diventa più difficile e il semplice copia/incolla diventa più semplice su facebook (che ha contribuito indubbiamente a fare strage di blog); io sono sempre stato un "quoter" e con l'arrivo di facebook ho perso un po' la voglia;
    – comporre articoli senza vedere commenti, risposte e considerazioni esterne, non è incoraggiante, poichè ci si ritrova a comunicare con il vuoto; nel mio caso il sistema di funzionamento particolarmente obsoleto del blog ha contribuito a questo "scazzo";
    – ci aggiungo l'arrivo di nuovi impegni (soprattutto lavorativi, dato che ho cambiato il posto di lavoro da pochi mesi) che porta un calo del tempo libero per il cazzeggio (inteso sia per pubblicare post propri sia per commentare quelli altrui).

    Capisco il tuo pessimismo, ma al di là di queste "giustificazioni", non ho parole consolatorie da aggiungere…

  2. @—>Tutti
    Quello che mi dispiace di più, è il non risentire persone con le quali ti sembrava d'aver instaurato una sorta di rapporto affettivo, come fosse un ritrovarsi alla sera – terminato di lavorare – al bar all'angolo per l'aperitivo, dove si scambiano due parole in relax, si critica questo e quello, ci s'indegna per una notizia, si ride assieme per qualcosa di divertente, si litiga con il malcapitato che non capisce nulla.
    Ecco, questo era e sarebbe il mio modo di vivere la blogosfera e sento che, purtroppo, sta finendo un po' alla volta.

  3. Capisco come ti senti Lector;è la stessa cosa che ho provato nell'assistere la lenta caduta di "resitenza laica".

    Io fui tra i primi ad essere iscritto a quel sito eccezionale e a commentare i post;presto arrivarono un sacco di utenti e non mancavano centinaia di commenti per molti articoli.Poi lentamente quel posto è diventato un deserto…rimane una certa nostalgia alla fine.

  4. @—>Deicida
    "Resistenza laica" è infatti uno dei siti che rimpiango di più, come anche "Il laicista". Ma se provi a scorrere l'elenco dei link che c'è qui in parte, scoprirai che almeno una buona metà di quei siti non pubblica più da tantissimo tempo.
    Forse ha ragione Fabristolol, è stato proprio Facebook a uccidere la blogosfera. Io, al contrario di lui, pensavo che questa si sarebbe scremata e sarebbe rimasta in mano alla parte migliore, quella più creativa, mentre tutto il ciarpame si sarebbe riversato su Facebook.
    Evidentemente, mi sbagliavo.

  5. Ciao a tutti.
    Ho acquistato un pacchetto internet,telefono e tv al quale hanno aggiunto Rai Uno (non richiesto ), quindi il tanfo delle deiezioni dei soliti,immarcescibili,VIP (preti, politici e presentatori ladroni puntualmente riciclati ) italici riescono ad entrare in casa mia.
                    Le solite facce da culo che pur avendo turlupinato, truffato ed anche inculato il popolo italiano, continuano,imperterriti a farsi riprendere mentre continuano a sparare le solite cazzate ( ed hanno il coraggio pure di ridere! ).
    Fra un po' torno in Vaticalia,ma dopo al:cuni giorni saro' di nuovo qui.
    Sono sinceramente preoccupato dalla richiesta continua della presenza dei militari in cittá.
    Sto facendo uno studio del rapporto Polizia/Popolazione in Europa: sicuramente in Italia sará semplicemente spaventoso!
    Di nuovo

  6. @—->Asmenos
    Forse hai ragione. Forse l'importante è tenere duro.

    @—->Kefos
    Purtroppo è sempre stato così. I problemi seri (e sono tantissimi) vengono glissati, mentre si continua a parlare (e litigare) su emerite cazzate. Del resto, se con la democrazia il popolo dimostra di non sapersi governare, l'alternativa non è che la dittatura.

  7. Many forms of Government have been tried and will be tried in this world of sin and woe. No one pretends that democracy is perfect or all-wise. Indeed, it has been said that democracy is the worst form of government except all those other forms that have been tried from time to time.

    Sir Winston Churchill

  8. @—->Filopaolo
    Qualsiasi dittatura, infine, diviene esclusivamente l'espressione d'una elite, o aristocrazia che dir si voglia. Anche quelle "del popolo" o "democratiche". Lo dimostra la storia.

  9. @—>Asmenos
    "E' senz'altro meglio la democrazia, con tutti i suoi vizi, di qualsiasi dittatura anche se piena di virtù"  (Hannibal Lector)  

  10. Anche da queste parti, in molti, rimpiangono Kadar (il solito " si stava meglio quando si stava peggio " ).
    Ora i governi si succedono ed ognuno cerca di mandare in galera quello precedente, accusato di ruberie!

    Ciao a tutti

    Kefos93

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.